29/02/2024

COSA SUCCEDE A LIVELLO PROVINCIALE?

Quante aree agricole o naturali potrebbero in futuro trasformarsi in aree fortemente antropizzate?

L’analisi dei Piani regolatori comunali in vigore in Trentino al 31 dicembre 2021, effettuata con riferimento allo strato informativo “Uso del suolo pianificato” del Servizio urbanistica e tutela del paesaggio, ci segnala un aumento potenziale delle Aree fortemente antropizzate pari a circa il 15% della loro estensione attuale, per un totale di 3.427 ha. attualmente agricoli o naturali, che potrebbero essere trasformati per usi antropici spinti.

E’ ragionevole ipotizzare che solo una parte delle previsioni urbanistiche contenute nei Piani Regolatori sarà attuata. Ciononostante, il dato di incremento potenziale delle Aree fortemente antropizzate previsto dai piani urbanistici locali è ancora particolarmente elevato e segnala una difficoltà generalizzata a modificare l’approccio al tema della gestione del territorio, rispetto alle visioni espansive del passato. Il perdurare di tale approccio è peraltro attestato dai dati significativi di incremento delle Aree fortemente antropizzate e dei fenomeni di artificializzazione e impermeabilizzazioni del suolo, registrati in tutto il territorio provinciale nel corso del biennio 2019-21.
 
In questo contesto, ancora fortemente espansivo, va segnalato che nello stesso biennio 2019-21, l’evoluzione del quadro pianificatorio ha mostrato una positiva tendenza alla riduzione dello stock di nuove Aree fortemente antropizzate, programmate dagli strumenti urbanistici locali.

L’analisi relativa al biennio fa emergere una riduzione di tale stock significativamente attestata a – 10,5% rispetto a quanto registrato al dicembre 2019 corrispondente ad una riduzione di più di 400 ettari. Pure considerando che una quota minoritaria di tale riduzione sia da attribuire a previsioni trasformative già attuate (e quindi a consumo di suolo avvenuto), tale tendenza è da considerarsi positiva, soprattutto se nel prossimo futuro verrà potenziata collocandola in una strategia generale di ridisegno della pianificazione locale e se sarà accompagnata da processi trasformativi meno intensi di quelli registrati nel biennio appena trascorso.

Pure nel contesto di una pianificazione urbanistica locale ancora fortemente orientata all’espansione, l’estensione delle nuove Aree fortemente antropizzate programmate dai PRG dei Comuni della provincia, nel periodo dicembre 2019-2021 registra un andamento in calo