01/03/2024
(23.02.23)

LA CERIMONIA DEL PREMIO FARE PAESAGGIO

La terza edizione del Premio triennale Giulio Andreolli Fare Paesaggio si è conclusa lo scorso 16 febbraio con la cerimonia finale svoltasi alla Sala delle Marangonerie del Castello del Buonconsiglio.

Soddisfazione è stata espressa dai promotori del Premio, che consiste in una selezione triennale di opere, progetti e iniziative realizzate nel territorio alpino, curata dall’Osservatorio del paesaggio della Provincia autonoma di Trento in collaborazione con Tsm-Step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio, e rappresenta un’occasione importante per riflettere sul valore del paesaggio. Alla presentazione, oltre al vicepresidente Tonina, sono intervenuti il dirigente generale della Provincia e vicedirettore dell’Osservatorio sul paesaggio Roberto Andreatta, Paola Borz, direttrice di Trentino School of Management, Rita Andreolli, moglie dello scomparso architetto Giulio Andreolli, Gianluca Cepollaro di Tsm-Step e i componenti della giuria Paolo Castelnovi (Landscapefor) e Costanza Pratesi (FAI–Fondo Ambiente Italiano).

Il primo premio per l’ambito tematico “Programmazione, pianificazione e iniziative gestionali” è stato assegnato al Comune di Valdobbiadene per il progetto “Prontuario della qualità architettonica e della mitigazione ambientale”. Da Castagneda (Bregaglia) nei Grigioni, in Svizzera, arriva il progetto di ricostruzione della “Cascina del complesso della villa Garbald” dello studio Ruinelli Associati Architetti, che ha vinto l’ambito “Segni del paesaggio”. Infine, il progetto “Il Castello di Pergine bene di comunità” della Fondazione CastelPergine Onlus si è aggiudicato il primo posto nella sezione “Cultura, educazione e partecipazione”. Menzioni speciali sono state assegnate allo studio Stradivarie Architetti Associati per il piano di settore “Una montagna d’acque”, volto a promuovere la valorizzazione dei fiumi e dei laghi della Carnia, allo studio Amp Architecture & Landscape per il progetto di riqualificazione ambientale “Parco del lago Fontana” e all’Istituto per la cultura slovena per il Museo SMO-Slovensko Multimedialno Okn.

L’assessore Tonina ha sottolineato che “questa edizione del Premio restituisce mette al centro le comunità e il loro amore per il territorio. Esperienze come quella che vede protagonista lo splendido complesso del Castello di Pergine, a cui un’iniziativa di gestione comunitaria ha restituito nuova vita”. Tonina ha ricordato la figura di Gabriele Calliari che nella sua veste di presidente della Coldiretti aveva partecipato da subito a questo progetto, comprendendo l’importanza di fare incontrare agricoltura, paesaggio e turismo.

Andreatta  ha sottolineato invece il legame strettissimo fra il premio e la sua “cornice”, data dalla legge urbanistica del 2008 e dai successivi interventi legislativi in materia. “Il Trentino – ha detto – si è dotato di regole e strumenti che lo guidano verso le scelte di volta in volta migliori, anche a fronte delle sollecitazioni a cui viene sottoposto, sulla spinta delle dinamiche e delle esigenze che maturano nel territorio. Un premio come questo è parte integrante del quadro generale di azioni per la tutela e la valorizzazione del paesaggio”.

Gli esiti del Premio con l’elenco di tutti i progetti partecipanti sono consultabili al link
www.premiofarepaesaggio.it.

Video di presentazione
https://www.youtube.com/watch?v=9WssNVss-HA&t=2s
https://www.youtube.com/watch?v=vF_tug3cODo