24/02/2024
(26.05.14)

INU, FEM, Alpes, Convegno regionale LA VITE E LA CITTÀ: UN FUTURO COMUNE

“A nord di Trento a sud di Bolzano” è un progetto di indagine multidisciplinare e fotografica del territorio compreso tra Trento e Bolzano.
Dopo l’analisi delle forme urbanistiche ed architettoniche svolta nel 2013, la seconda edizione di ANTASB volge lo sguardo all’elemento che forse più di tutti caratterizza l’identità di questo territorio: la vite. La vite come unità elementare della percezione, forma paesaggistica, fattore produttivo, descrittore territoriale, tra radicamento e ubiquitarietà, tra storia e innovazione.

La mostra fotografica ANTASB “La vite e il paesaggio”, presso la Fondazione Edmund Mach dall’8 al 30 maggio, è curata da Luca Chistè e presenta in 56 pannelli il contributo di quattro fotografi, due trentini e due sudtirolesi (Gianni Bodini, Giorgio Dalvit, Fabio Maione, Stefan Stecher). L’indagine fotografica sul paesaggio viticolo tra Trento e Bolzano è articolata in quattro temi: i segni del tempo, le forme del paesaggio, il rapporto tra le aree viticole e quelle urbane, il lavoro dell’uomo sul paesaggio.

Nell’ambito dell’iniziativa, giovedì 29 maggio, a partire dalle ore 9, presso la sala conferenze del Palazzo Ricerca e Conoscenza, si terrà il convegno regionale “La vite e la città: un futuro comune”. 
Quali leve urbanistiche e agricole guidano l’uso e le trasformazioni del territorio agricolo? È possibile una coesistenza virtuosa tra città e campagna, e su quali basi?
Il convegno si propone come un’occasione per riflettere sulle potenzialità dei territori agricoli “di frontiera” tra pratiche agricole e spazi per il tempo libero, tra esigenze economiche e immaginari urbani, con l’intento di contribuire alla comprensione delle dinamiche antropiche e naturali che hanno prodotto uno dei più belli e sofferti paesaggi alpini.
Ne parleranno insieme e condivideranno esperienze e ricerche: docenti di settore, urbanisti, produttori e operatori turistici.

L’iniziativa è promossa dalle sezioni di Trento e Bolzano dell’Istituto Nazionale di Urbanistica, in collaborazione con la cooperativa Alpes, la Fondazione Edmund Mach e l’associazione Imperial Wines. La partecipazione è gratuita. Si richiede l’iscrizione online.

Programma

Ore 9.00 – Saluti
Carlo Daldoss, Assessore all’Urbanistica, Provincia Autonoma di Trento, Gianluca Tait, Presidente Comunità di Valle Rotaliana Konigsberg, Edmund Lanziner, Presidente Consorzio Oltradige Bassa Atesina, Mauro Fezzi, Direttore generale Fondazione Mach

Tra città e campagna: lo spazio dell’agricoltura
Introduce e modera: Bruno Zanon, Università degli Studi di Trento e STEP

Città e campagna nel Piano della Comunità di Valle Rotaliana Königsberg
Corrado Diamantini, Università degli Studi di Trento

Il territorio agricolo della Bassa Atesina nei Piani urbanistici comunali
Peter Morello, Istituto Nazionale di Urbanistica

Questioni metodologiche e interpretative per le zone agricole del capoluogo di Trento
Paolo Biasioli, vicesindaco del Comune di Trento Tiziano Brunialti, Comune di Trento

Il caso dei vigneti comunali: usi agricoli urbani del capoluogo di Bolzano
Luigi Spagnolli, Sindaco del Comune di Bolzano

Tra campagna e città: paesaggi e pratiche agricole
Introduce e modera: Giovanna Ulrici, Istituto Nazionale di Urbanistica

Fotografia, paesaggi e architetture della vite e del vino: alcune riflessioni
Vittorio Curzel, Scuola per il governo del territorio e del paesaggio, PAT

Fare paesaggi: la testimonianza di un vignaiolo
Giulio De Vescovi, Azienda Agricola de Vescovi Ulzbach, Pressano

Il progetto PICA: zonizzazioni di produzione e di paesaggio
Andrea Faustini, Cavit, Trento

Conclusioni
Michele Stramandinoli, Istituto Nazionale di Urbanistica

Ore 13.00 Buffet

Ore 14.30 Visite guidate ai sistemi colturali vitivinicoli nei vigneti della Fondazione E.Mach

Per Informazioni:
sezionetrentino.inu@gmail.com

PDF invito