24/05/2024
(23 Settembre 2015)

Provincia autonoma di Trento, tsm|step, Università degli Studi di Torino, MASTER WNHM-WORLD NATURAL HERITAGE MANAGEMENT 4° edizione

Anche per l’anno 2016, dal 13 gennaio al 9 dicembre 2016, si svolgerà il Master World Natural Heritage Management, giunto alla sua 4° edizione.
L’ambiente, il territorio, il paesaggio e la cultura sono tra le più importanti questioni del nostro tempo. Da come le affronteremo dipende il futuro di ognuno e le caratteristiche della vivibilità nelle nostre società.
Per queste ragioni nell’età della ricerca di nuove condizioni di sviluppo sostenibile basate sulla conoscenza e, in particolare sulla sua dimensione simbolica, la capacita di conservazione e valorizzazione dei beni naturali assume una nuova centralità. L’attenzione delle persone, infatti, è sempre più rivolta alla vivibilità dell’ambiente, del territorio e del paesaggio per partecipare alla tutela del proprio spazio di vita e soddisfare un’aumentata esigenza di conoscenza e interpretazione della storia, della cultura e del presente necessaria alla progettazione del futuro. Appare, inoltre, sempre più evidente come gli investimenti in politiche ambientali, del territorio e del paesaggio rappresentino un importante motore di sviluppo nonché fattori di innovazione e di integrazione sociale.
L’inserimento delle Dolomiti nel Patrimonio Mondiale UNESCO nel 2009 rappresenta quindi un’importante opportunità per valorizzare l’unicità e l’eccezionalità di un bene naturale che caratterizza i territori che oggi sono chiamati alla responsabilità della gestione. L’iscrizione del Bene Dolomiti nella Lista del Patrimonio Mondiale da un lato rappresenta il riconoscimento del loro valore universale, dall’altro impone alle amministrazioni, alle istituzioni e alle comunità la responsabilità della conservazione, della gestione e dello sviluppo. Per far questo è necessaria l’elaborazione di una strategia nonché lo sviluppo di competenze appropriate. Il riconoscimento ottenuto dalle Dolomiti, Bene “eccezionale ed unico” dell’UNESCO, rappresenta un’occasione straordinaria per la messa a punto di nuove strategie e competenze che partono dalla valorizzazione dei beni naturali.
Le applicazioni degli studi e delle discipline manageriali alla gestione del territorio, dell’ambiente e del paesaggio hanno conosciuto negli ultimi tempi un forte sviluppo. L’Alta Formazione è così oggi chiamata a rispondere all’esigenza di creare efficienza in sistemi territoriali, tradizionalmente di carattere prevalentemente conservativo e amministrativo, attraverso innovazione delle istituzioni e delle organizzazioni che a vario titolo si occupano di siti naturali.

Il Master World Natural Heritage Management si pone l’obiettivo di fornire agli allievi teorie, metodi e strumenti innovativi, adatti alla gestione delle istituzioni e dei progetti che si occupano della tutela e della valorizzazione dei siti naturali, dell’ambiente e del paesaggio.

Destinatari
Il Master World Natural Heritage Management è rivolto a manager, funzionari, studiosi e professionisti di istituzioni e organizzazioni pubbliche e private interessate alla gestione dei Beni iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale naturale dell’Umanità UNESCO. Possono, inoltre, essere ammessi al Master giovani laureati in possesso almeno di laurea triennale che vogliano approfondire le tematiche della conoscenza, della cultura, dell’economia e della gestione dei beni naturali. I posti disponibili sono quindici.

Obiettivi
I partecipanti saranno impegnati in percorsi di apprendimento per:

  • sviluppare conoscenze tecnico-specialistiche negli ambiti naturalistici, ambientali e paesaggistici strettamente interconnessi nella visione di una tutela e di uno sviluppo futuro orientato alla sostenibilità;
  • creare e gestire reti al fine di integrare e promuovere le scelte riguardanti il territorio, il paesaggio e l’ambiente e le forme d’offerta nei circuiti della fruizione dei beni naturali;
  • favorire la progettualità sociale, la partecipazione responsabile e la facilitazione dei processi di governo del territorio, della sostenibilità e della valorizzazione dei beni naturali in quanto beni comuni;
  • utilizzare metodi e tecniche al fine di ideare, progettare e curare la vivibilità dei territori, dei paesaggi e dell’ambiente;
  • progettare e sviluppare iniziative educative, comunicative e promozionali riguardanti la vivibilità attraverso la conservazione, la valorizzazione e lo sviluppo dei beni naturali in quanto beni comuni.  

Sviluppo professionale
Le competenze sviluppate durante il Master sono spendibili:

  • all’interno delle istituzioni pubbliche e private e dei dipartimenti della Pubblica Amministrazione che si occupano di territorio, ambiente e paesaggio;
  • per la creazione di network e alleanze nello sviluppo di progetti finalizzati alla promozione e alla valorizzazione dei beni naturali;
  • in istituzioni e associazioni che si occupano di ricerca in ambito ambientale, territoriale e paesaggistico e culturale;
  • nel settore della comunicazione, della promozione e dell’educazione ai patrimoni naturali;
  • in società di consulenza che si occupano della progettazione e realizzazione di iniziative di sviluppo territoriale, ambientale, paesaggistico e culturale.

Metodo formativo
L’attenzione rivolta ad ogni singolo partecipante e la valorizzazione del rapporto tra docenti e studenti si concretizza nella scelta di un metodo formativo articolato in più attività quali:

  • attività di initial e team building; 
  • azioni di consulenza individuale e di orientamento; 
  • relazioni formative e applicative con docenti di Università e rappresentanti di imprese e istituzioni nazionali e internazionali; 
  • ciclo di lezioni magistrali; 
  • viaggi studio e incontri con rappresentanti di istituzioni internazionali impegnate nella gestione di Patrimoni dell’UNESCO;
  • progetti di ricerca applicata (RBL-Research Based Learning); 
  • stage in istituzioni e organizzazioni nazionali e internazionali; 
  • visite e workshop presso imprese e istituzioni partner; 
  • valutazione del processo e degli esiti dell’intero percorso formativo. 

Initial
Seminario di apertura del Master: fondazione del gruppo, presentazione delle aree e definizione del contratto formativo con i partecipanti.

Tutorship e consulenza individuale
Per ogni partecipante è previsto un costante accompagnamento attraverso la tutorship e la possibilità di usufruire di alcune ore di consulenza individuale al fine di sostenere la capacita di apprendimento e le competenze acquisite durante il Master e in particolare nella fase di stage verso la costruzione e realizzazione del proprio progetto relativo alla gestione delle istituzioni e dei progetti che si occupano della tutela e della valorizzazione dei beni naturali, dell’ambiente e del paesaggio.

Lectures
E previsto durante il percorso un ciclo di lezioni speciali “MasterInvita”, trasversali alle tematiche sviluppate in aula. Scopo degli incontri è aprire al territorio alcuni dei momenti più significativi delle attività formative del Master. Nelle precedenti edizioni i “MasterInvita” sono stati organizzati in collaborazione con il Comune di Trento.

Per l’anno 2016 sono previsti i seguenti incontri:     
Giorgio De Michelis, Reti cooperative complesse e implicazioni manageriali
Vittorio Gallese, L’empatia dello spazio
Roberto Masiero, Smart Land

RBL-Research Based Learning
L’apprendimento basato sul metodo RBL-Research Based Learning caratterizza il percorso mediante un lavoro di ricerca-intervento sul campo, che nasce da esigenze concrete espresse da una committenza. In questo modo gli studenti applicano a una situazione reale gli apprendimenti teorici conseguiti in aula sperimentandosi direttamente sul campo. Lavorando in gruppo e dovendosi confrontare con un compito preciso, gli allievi impareranno a gestire situazioni incerte e conflittuali, a negoziare in modo più efficace i progetti di sviluppo e a definire i contenuti progettuali.

Valutazione
La valutazione del processo e degli esiti dell’intero percorso formativo si concentra in particolare nelle fasi intermedie e nella fase finale di verifica e riguarda le singole aree di contenuto, la fase di ricerca applicata (RBL-Research Based Learning) e il Project Work finale.

Exploring the World Natural Heritage
Gli allievi saranno accompagnati nell’esplorazione di uno o più siti naturali e culturali scoprendone i molteplici e controversi aspetti legati alla gestione e allo sviluppo. Il viaggio costituisce inoltre un’occasione di incontro e di confronto con i responsabili delle istituzioni impegnate nella gestione diretta di Patrimoni UNESCO. Nelle precedenti edizioni gli allievi hanno visitato i seguenti siti:

2013: Jungfrau/Aletsch (Svizzera); Isole Eolie (Sicilia, Italia).
2014: Provenza e Camargue (Francia); Monte San Giorgio (Lombardia, Italia); Langhe e Monferrato (Piemonte, Italia).
2015: Jungfrau/Aletsch, Monte San Giorgio, Lavaux (Svizzera); Palermo, Pantelleria (Sicilia, Italia); Project Work.

Ogni allievo dovrà mettere a punto uno specifico progetto (Project Work) finalizzato ad integrare gli apprendimenti teorici con l’esperienza pratica, che verrà presentato e valutato alla conclusione del Master.

Stage
Per chi non è occupato è previsto un periodo di stage della durata di tre mesi presso istituzioni e organizzazioni pubbliche e private. Nelle precedenti edizioni gli allievi sono stati ospitati in stage presso:

ITALIA
Associazione Dislivelli, Torino
Associazione Nesos, Lipari (ME)
Associazione per il patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe – Roero e Monferrato, Alba (CN)
Azienda per il Turismo della Val di Fiemme, Cavalese (TN)
Azienda per il Turismo Valsugana Lagorai – Terme – Laghi, Levico (TN)
Comunità Alta Valsugana e Bersntol, Pergine Valsugana (TN)
Comunità della Paganella, Andalo (TN)
Comunità Alto Garda e Ledro, Riva del Garda (TN)
DIST-Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio, Torino
Ente Parco Paneveggio Pale di San Martino, Tonadico (TN)
EURAC – Accademia Europea di Bolzano, Bolzano
Fondazione Ahref, Trento
Fondazione Dolomiti-Dolomiten-Dolomites-Dolomitis UNESCO, Cortina d’Ampezzo (BL)
Fondazione UNESCO Sicilia, Palermo
ISPRA – Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Roma
MUSE-Museo delle Scienze di Trento, Trento
Osservatorio del Paesaggio, Trento
Parco dell’Etna, Nicolosi (CT)
Parchi del Ducato, Langhirano (PR)
Progetto Manifattura Srl, Rovereto (TN)
Provincia autonoma di Trento, Trento
Provincia autonoma di Bolzano, Bolzano
SAT-Società Alpinisti Tridentini, Trento
UNESCO Venice Office, Venezia
Trentino Marketing srl, Trento

ESTERO
European Institute of Cultural Routes, Lussemburgo
PCT – Parc Cientific i Tecnologic de Turisme i Oci, Vila-seca (Tarragona), Spagna
The Governing Body of Suomenlinna World Heritage site, Helsinki, Finlandia
Park Skocjanske Jame World Heritage site, Skocjan, Slovenia
UNESCO World Heritage Swissalps Jungfrau-Aletsch, Naters, Svizzera

Articolazione
Il Master World Natural Heritage Management inizierà il 13 gennaio 2016 e si concluderà il 9 dicembre 2016. Sono programmate 320 ore di aula e di viaggio studio e 360 ore di stage e Project Work. Sono inoltre previste attività di studio individuale assistito anche a distanza, unitamente al supporto di consulenza individuale per la messa a punto dei Project Work e dei percorsi di specializzazione. Ulteriori contributi didattici potranno essere previsti in forma di videoconferenza.

Calendario del Master
14 e 15 dicembre 2015: Selezioni
13 gennaio 2016: Avvio del Master e fondazione del gruppo
14 gennaio 2016 – 10 giugno 2016: Fase d’aula: svolgimento delle sei aree didattiche, dei progetti di ricerca applicata e dei viaggi di studio
5 settembre 2016 – 25 novembre 2016: Stage e stesura Project Work.
9 dicembre 2016: Presentazione del Project Work.
Chiusura del programma di formazione e consegna degli Attestati

Il Master World Natural Heritage Management si articola in sei aree. Da queste aree scaturiscono, in una prospettiva interdisciplinare, i contenuti e i metodi che caratterizzano il percorso formativo. Ogni area e articolata in moduli.

Contenuti
1. Tutela, promozione e valorizzazione dei beni naturali
Verranno presentati i criteri e i processi per la conservazione, la promozione e la valorizzazione dei beni naturali per individuarne i limiti e esaltarne i caratteri potenziali. L’area approfondisce le condizioni di valorizzazione dei beni naturali partendo dalla conoscenza del loro contesto geofisico, storico e territoriale.

Metodologie di analisi dei problemi globali e controversi – Ugo Morelli, Università degli Studi di Bergamo
Ecosistemi, ecologia e sostenibilità – Docente in attesa di conferma
Processi climatici e trasformazione dei beni naturali – Luca Mercalli, Società Metereologica Italiana
Analisi geofisica dei beni naturali – Marco Avanzini, MUSE, Trento e Piero Gianolla, Università degli Studi di Ferrara
Tutela dei beni naturali e valutazioni d’impatto – Davide Geneletti, Università degli Studi di Trento
Accessibilità e relazioni con i contesti dei beni naturali. Le procedure di Valutazione Ambientale – Raffaele Mauro, Università degli Studi di Trento e Marco Cattani, Trentino Mobilita
Il viaggio, l’altro e l’altrove  – Marco Aime, Università degli Studi di Genova

2. Risorse naturali e culturali come motore strategico dello sviluppo locale
Il Patrimonio naturale e le comunità cui questo è legato costituiscono un insieme di risorse a valenza anche economica, sociale e culturale, di carattere materiale e immateriale. Il modulo intende approfondire questi temi in un’ottica di conservazione e valorizzazione coerente e funzionale ad uno sviluppo sostenibile dei territori.

Risorse naturali e culturali e sviluppo economico – Giovanna Segre, Università IUAV di Venezia
World Heritage and Reputation Management for Cities and Regions – Robert Govers, government advisor and co-editor of the journal of Place Branding and Public Diplomacy, Antwerp e Londra
Economia del patrimonio ambientale e del territorio – Silvana Dalmazzone, Università degli Studi di Torino
Dinamiche del paesaggio e pianificazione del territorio agroforestale – Mauro Agnoletti, Università degli Studi di Firenze
Paesaggio, rigenerazione e sviluppo sostenibile – Patrizia Lombardi, Politecnico di Torino
Patrimonio Mondiale e turismo: opportunità di sviluppo dei territori – Alessia Mariotti, Università degli Studi di Bologna

3. International institutions, rules and procedures for natural world heritage
L’area, concepita come modulo di taglio internazionale, offre una dettagliata esplorazione dei principi e delle operatività delle principali istituzioni e agenzie internazionali che si occupano di Beni naturali nell’ambito del sistema del Patrimonio Mondiale UNESCO, affrontando le priorità nelle politiche e nelle pratiche attuali.

The UNESCO World Heritage Convention: procedures and related activities – Matteo Rosati, UNESCO Venice Office, Culture Sector
The world heritage capacity building strategy developed by ICCROM and IUCN – Joe King, ICCROM-International Centre for the Study of the Preservation and Restoration of Cultural Property
Managing heritage to benefit all human values: case studies from near and far – Jane Thompson, Herculaneum Conservation Project, Roma
Managing world heritage: experiences from Swiss sites – Carlo Ossola, Commissione UNESCO Svizzera

Sarà inoltre parte integrante di questo modulo la trattazione di casi studio e testimonianze specifiche da parte di esperti internazionali sulle metodologie e operazioni di gestione di Siti UNESCO.

4. Capacity building e project management per la gestione e la valorizzazione dei patrimoni naturali
L’area intende affrontare i temi della capacity building, definita in ambito Nazioni Unite come strumento di miglioramento delle capacità individuali in termini organizzativi e imprenditoriali e della gestione del project management dalla concezione alla sua fattibilità economica.

PPP (Public- Private Partnership) e beni Patrimonio dell’Umanità – Massimo Marrelli, Professore emerito Università Federico II di Napoli
La teoria economica delle organizzazioni e la teoria economica delle istituzioni – Enrico Bertacchini, Università degli Studi di Torino
Project management e piani di gestione per i Siti Patrimonio Mondiale – Alessio Re, CSS-EBLA e Università di Torino
Valutazione economica dei beni ambientali, paesaggistici e culturali – Maria De Salvo, Università degli Studi di Verona
Metodi e politiche per la valutazione dei progetti europei – Luca Moreschini, Nucleo Valutazione Regione Piemonte

5. Governo e gestione dell’ambiente, del territorio e del paesaggio
Una ridefinizione delle teorie e delle pratiche tradizionali della pianificazione. L’area si propone di approfondire sia sul piano normativo che su quello dei metodi e delle tecniche gli orientamenti appropriati ad una moderna gestione dei beni naturali.

Pianificazione integrata e organizzazione territoriale – Bruno Zanon, Università degli Studi di Trento
Norme e istituzioni locali per il governo dei beni naturali – Eugenio Caliceti, Università degli Studi di Trento
Sistemi informativi e valutazione degli impatti sui beni naturali – Mauro Zambotto e Martina Anese, Servizio Sistemi informativi, Provincia autonoma di Trento
Modelli di sviluppo locale. Il distretto culturale evoluto – Giorgio Tavano Blessi, docente a contratto Libera Università di Bolzano
Forme di governance dei sistemi alpini – Annibale Salsa, Fondazione Dolomiti UNESCO
Il contributo della geografia allo studio del paesaggio – Franco Farinelli, Università degli Studi di Bologna
Paesaggio, natura, ambiente – Elisabetta Bianchessi, Politecnico di Milano
Paesaggi tradizionali e paesaggi ipermoderni – Adele Picone, Università degli Studi di Napoli

6. Management dei beni comuni, immateriali e simbolici
Il management dei beni immateriali e simbolici e la gestione dei beni comuni rappresentano campi di studio di straordinaria attualità per comprendere la possibilità di valorizzazione dei beni naturali. Saranno approfonditi i processi cognitivi ed emotivi alla base della percezione e della fruizione estetica dei beni naturali adottando un’ottica transdisciplinare mediante approcci che vanno dalle neuroscienze alla psicologia, dall’economia agli studi organizzativi, dall’antropologia alle scienze sociali.

Organizing e Management. Psicodinamica della vita organizzativa – Ugo Morelli, Università degli Studi di Bergamo
Risonanza e molteplicità condivisa nelle relazioni con gli altri e il mondo – Vittorio Gallese, Università degli Studi di Parma
Modelli di management e gestione dei problemi globali e controversi – Alberto Felice De Toni, Università degli Studi di Udine
Gestione e valorizzazione delle competenze professionali – Giuseppe Varchetta, Università di Milano Bicocca
Conservazione e valorizzazione di beni naturali e culturali: il ruolo del Marketing – Francesco di Cesare, Risposte Turismo
Il turismo nell’arco alpino: il management delle destinazioni delle località dolomitiche – Umberto Martini, Università degli Studi di Trento
Strumenti di digital marketing and social media communication – Sabrina Pesarini, Trentino Marketing
Sperimentare le pratiche di management – Enrico Zaninotto, Università degli Studi di Trento

Saranno, inoltre, realizzati i seguenti laboratori:

Creatività
– Ugo Morelli e Gabriella De Fino
New Media and Communication – Luca De Biase Nòva, Il Sole 24 Ore
The UNESCO Man and Biosphere Program (MaB) – Philippe Pypaert, UNESCO Venice Office, Environment Sector
Teatro Sociale e di Comunità – Alessandra Rossi Ghiglione, Social Community Centre, Università di Torino

Partnership
Il Master World Natural Heritage Management, promosso dalla Provincia autonoma di Trento, si fonda sulla partnership tra tsm|step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio e l’Università di Torino.
L’Università di Torino ha istituito nel 2008 il Master internazionale World Heritage and cultural projects for development, che ha come principali partner: l’ITC-ILO, il Politecnico di Torino, l’UNESCO World Heritage Centre di Parigi focalizzato sulla gestione dei siti culturali del Patrimonio mondiale UNESCO e l’ICCROM-International Council on Monuments and Sites di Roma. La partnership mira alla valorizzazione e alla diffusione di esperienze significative di gestione dei siti del Patrimonio UNESCO.
Il Master World Natural Heritage Management si avvale della partnership con il MUSE-Museo delle Scienze di Trento, con l’Associazione Arte Sella di Borgo Valsugana (TN) ed è inserito nell’offerta formativa della Rete della Formazione e della Ricerca Scientifica della Fondazione Dolomiti UNESCO con cui è realizzato in partnership.
Il Centro Studi Silvia Santagata-Ebla, fondato dal professor Walter Santagata e promotore del Centro C2 UNESCO di Torino sull’Economia della Cultura (ITRECH), contribuisce al Master attraverso le sue attività di networking internazionale in relazione ai diversi programmi UNESCO.
Sono inoltre coinvolte altre istituzioni quali l’UNESCO-Welterbe Schweizer Alpen Jungfrau-Aletsch Managementzentrum di Naters (Svizzera), l’Associazione Dislivelli di Torino e la SAT-Società degli Alpinisti Tridentini.

Organizzazione e staff
Il Comitato Scientifico determina la programmazione didattica del Master World Natural Heritage Management. I componenti del Comitato Scientifico svolgono la funzione di direttori d’area e curano la qualità dei contenuti della didattica, il rapporto con i docenti che intervengono nell’area di propria competenza e le relazioni con i partecipanti.

Il Comitato Scientifico e costituito da:

  • Ugo Morelli, Università degli Studi di Bergamo e tsm|step-Area UNESCO
  • Alessio Re, CSS-EBLA e Università di Torino
  • Fabio Scalet, Provincia autonoma di Trento
  • Giovanna Segre, Università IUAV di Venezia 

Il Presidente del Comitato Scientifico del Master è Ugo Morelli. Il coordinamento è affidato a Gabriella De Fino, tsm|step-Area UNESCO. La responsabilità organizzativa e gestionale e affidata a tsm|step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio. La Scuola supporta l’azione formativa attraverso la sua struttura interna che prevede servizi amministrativi, di didattica, di comunicazione, di relazioni esterne e di information technology.

Condizioni di frequenza
Il Master World Natural Heritage Management viene realizzato in formula part-time. Per la fase di aula è previsto il seguente orario di lezione:

  • mercoledì dalle ore 14.00 alle 18.00
  • giovedì dalle ore 8.30 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 17.30
  • venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 17.30 

Alcune lezioni saranno svolte in lingua inglese. L’Attestato di Frequenza verrà rilasciato ai partecipanti che abbiano frequentato almeno il 70% delle lezioni in aula e il 50% delle fasi di stage e abbiano superato l’esame finale.

Ammissione
Per partecipare alle selezioni del Master World Natural Heritage Management è necessario iscriversi on-line entro il 10 dicembre 2015 ed inviare la seguente documentazione per email step@tsm.tn.it:

  • fotocopia documento di identità o del passaporto 
  • nr. 2 fotografie recenti formato tessera 
  • curriculum vitae

Selezioni
Le selezioni si terranno presso la sede di tsm|step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio a Trento in Via Diaz, 15 nei giorni 14 e 15 dicembre 2015.
La procedura di selezione prevede un colloquio motivazionale e una verifica della conoscenza della lingua inglese tramite colloquio.

Quota di partecipazione
La quota di iscrizione al Master World Natural Heritage Management a carico del partecipante ammonta a € 4.000,00 e comprende:

  • il materiale didattico 
  • i testi di studio 
  • le spese di trasporto e alloggio per i viaggi di studio 
  • un buono pasto a copertura delle spese di vitto da utilizzare durante la fase di aula per le giornate che prevedono una frequenza di 8 ore. 

La quota di iscrizione al Master World Natural Heritage Management va versata in due rate di importo pari a € 2.000,00 ciascuna:

  • la prima rata deve essere versata entro il 18 dicembre 2015, contestualmente al momento di iscrizione; 
  • la seconda rata entro il 15 aprile 2016. 

In caso di mancato pagamento della seconda rata, lo studente decade dai benefici conseguenti all’iscrizione al Master World Natural Heritage Management.

Il pagamento della quota di iscrizione deve essere effettuato tramite bonifico bancario a:

tsm-Trentino School of Management
Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo del Nord Est – Sede di Trento
Via Segantini, 51 – 38122 Trento
Conto Corrente: 000000115177
IBAN IT76 U035 9901 8000 0000 0115 177
Causale: Master WNHM 2016

Borse di studio
Il contributo non sarà rimborsato in caso di rinuncia o interruzione della frequenza al Master World Natural Heritage Management.
Sono disponibili cinque borse di studio di € 1.000,00 ciascuna, a copertura parziale della quota di partecipazione. L’assegnazione avverrà sulla base di criteri di reddito/ patrimonio (indicatore ISEE) e di criteri di merito (risultati delle selezioni).

SCARICA Domanda di partecipazione alla selezione per l’attribuzione di borsa di studio
SCARICA Bando per l’attribuzione di borsa di studio

Sede
Le lezioni del Master World Natural Heritage Management si svolgono a Trento presso la sede di tsm|step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio in Via Diaz 15, nel centro storico della città.

tsm-Trentino School of Management, previo accordo con la Provincia autonoma di Trento, si riserva la facoltà di apportare all’articolazione, ai contenuti, alle condizioni di frequenza, ai requisiti per l’ammissione, all’organizzazione e al calendario del Master ogni variazione che a suo giudizio dovesse risultare opportuna. Si riserva, inoltre, di verificare la possibilità di avviare il percorso sulla base del numero effettivo dei partecipanti.

Per informazioni
Segreteria del Master
tsm|step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio
Via Diaz 15, 38122 Trento
T. 0461.020060
step@tsm.tn.it