logo osservatorio tsm
logo osservatorio tsm
24/11/2020
(19.07.2018)

MUSE, mostra, Una montagna di vita. Ecosistemi d’alta quota e cambiamenti climatici

Giardino Botanico Alpino sul Monte Bondone, 22 luglio ore 16.00


Inaugura domenica 22 luglio alle 16 al Giardino Botanico Alpino sul Monte Bondone la mostra Una Montagna di Vita – Ecosistemi d'alta quota e cambiamenti climatici. L’esposizione fotografica nasce nell'ambito del progetto, dall’omonimo volume, per illustrare gli ecosistemi montani italiani e i complessi processi che ne determinano la dinamica.

Foto, didascalie e testi che accompagnano la raccolta di immagini creano un ponte fra fruizione estetica e divulgazione scientifica. Attraverso le immagini dei fotografi naturalisti che hanno contribuito alla mostra vengono raccontate le principali tipologie di ecosistemi montani italiani e le differenze tra regioni e quote diverse; le caratteristiche principali degli ecosistemi e gli adattamenti di piante e animali alle difficili condizioni della montagna; i rapporti esistenti tra le varie componenti degli ecosistemi e la complessa interazione tra attività umane e ambiente montano.

A supporto della mostra, il MUSE ha prodotto un’installazione che si intitola “CAN YOU STOP NATURE?” e consiste di 117 fotografie, sospese su 7 corde tese fra 35 pali di acacia, che come note musicali dialogano fra loro e raccontano la melodia della natura. Sono “istantanee”, fermo immagine che si focalizzano sugli ecosistemi montani, sull’ambiente e gli adattamenti d’alta quota, sulla rete trofica e sull’impatto antropico.

All’interno del recinto circolare, invece, il tempo continua, la natura fa il suo corso, con i suoi ritmi e i suoi modi, come il Terzo Paesaggio, un giardino incolto nel Giardino Botanico. Sarà poi la musica, la melodia di J.S. Bach (partita numero 2 BWV 1004 Allemand- Corrente-Sarabanda-Giga-Ciaccona), suonata dal violinista Giulio Maria Mennitti, ad accompagnare l’evento e consegnare le istantanee al flusso delle stagioni e del tempo nella cornice delle Viote di Monte Bondone.