logo osservatorio tsm
logo osservatorio tsm
14/12/2017
(23.11.2017)

Lo spazio alpino SAT compie un anno. Presentato il programma 2018

E’ ormai trascorso un anno da quando, il 24 novembre 2016, fu inaugurato lo Spazio Alpino SAT Dolomiti Unesco, a piano terra della Casa della SAT. Una finestra aperta sul contesto urbano che parla di montagna e che va a colmare un’offerta culturale che a Trento veniva pienamente soddisfatta soltanto in un breve lasso di tempo, ossia durante le giornate del Film Festival della Montagna. Nell’arco temporale di un anno, all’interno dell’antica sala un tempo sede del Museo della SAT, si sono svolte in rapida successione innumerevoli attività culturali: mostre fotografiche, artistiche, bibliografiche, presentazioni di libri, incontri letterari e con gli istituti scolastici, proiezioni cinematografiche ed oggi sono numerosissime le associazioni che propongono iniziative da realizzare all’interno dello Spazio Alpino, tanto da non riuscire a trovare date disponibili per tutti.

La sala dello Spazio Alpino che ha potuto beneficiare lo scorso dicembre di un nuovo allestimento, è frutto di una convenzione tra Provincia, SAT, Fondazione Dolomiti UNESCO, STEP e Muse i quali soprattutto in una prima fase di star up hanno dato vita ad un ricco calendario di eventi. Inoltre all'interno del progetto si individua la Biblioteca della Montagna-SAT quale depositaria del Fondo librario e documentale dedicato alle Dolomiti-bene UNESCO.

Anche il pubblico cittadino ha gratificato in poco tempo l’esistenza di questo luogo speciale, dedicato alla cultura di montagna, affluendo sempre più numeroso, sia alle proiezioni cinematografiche, che agli incontri culturali. Un impulso importante alla conoscenza di questa nuova realtà, che si inseriva in un contesto cittadino già ricchissimo di spazi aperti a innumerevoli proposte, lo hanno fornito i media locali, che puntualmente inseriscono le iniziative allestite nello Spazio Alpino SAT all’interno delle loro agende di carattere culturale.

In questi primi 12 mesi di vita le attività che si sono svolte sono davvero moltissime. Dallo scorso dicembre 2016 sono stati proiettati 27 film, allestite 9 mostre, presentati 7 libri, realizzati 4 laboratori, dei quali 1 per bambini e 3 aperti a tutti e un reading. Si sono inoltre tenuti 9 tra incontri e conferenze su vari temi. Senza contare le proposte di altre realtà associative o di singole persone che sono state ospitate. Uno spazio culturale dunque sul quale SAT conta moltissimo, non solo divulgativo, ma come punto di riferimento per la comunità trentina, luogo di socializzazione, di scambio, di crescita culturale e umana.

Il programma per il 2018 è stato presentato ieri presso la sede di via Manci. Il Laboratorio Alpino propone per il prossimo anno, tra le altre iniziative, la mostra «Bruno Detassis a dieci anni dalla scomparsa» un evento organizzato da Sat in collaborazione con Film Festival, e la mostra «Dolomiti» recentemente presentata in Corea del Sud, a cura di Fondazione Unesco. Step presenterà invece la mostra «Sospensioni». L'iniziativa si inserisce in un percorso di sensibilizzazione culturale che intende considerare le Alpi come luogo di innovazione e fruizione sostenibile. Tutta targata Sat sarà invece la mostra su Cesare Battisti satino e divulgatore in occasione dell'adunata degli alpini a maggio. Sempre Sat Commissione Cultura anche la rassegna dal titolo - «In viaggio - la creatività sulle rotte dell'emigrazione».
 

Per informazioni clicca qui
http://www.sat.tn.it/default.aspx?fn=loadarea&idarea=21