logo osservatorio tsm
logo osservatorio tsm
14/12/2017

rivitalizzazione del paesaggio terrazzato della valle del leno

Scopo della ricerca, il cui programma è stato discusso nel febbraio 2016 dal Gruppo di Lavoro “agricoltura e paesaggio”, è l’approfondimento delle dinamiche territoriali che hanno investito il paesaggio rurale della valle del Leno di Terragnolo generando i fenomeni diffusi di abbandono che attualmente lo caratterizzano.

In parallelo a tale finalità analitica e in una prospettiva progettuale, la ricerca ha l’obiettivo di individuare approcci gestionali innovativi e “buone pratiche” finalizzate al recupero delle aree terrazzate.

Con questa ricerca si intende verificare la possibilità di avviare processi di tipo partecipativo che, attraverso una progressiva “presa in carico” da parte delle comunità locali delle problematiche dell’abbandono, consentano di realizzare forme di recupero sia a base professionale che volontaristica.

Il programma di ricerca è stato presentato alle amministrazioni comunali di Rovereto e Terragnolo, alle istituzioni e alle associazioni locali nel corso di una riunione tenuta a Rovereto nel marzo del 2016.

Gli esiti della fase analitica della ricerca sono stati illustrati nel corso di un incontro pubblico tenutosi a Terragnolo il 9 settembre 2016. In questa prima fase sono state analizzate le trasformazioni che hanno interessato il territorio della valle del Leno dalla metà dell’800 ad oggi e, in particolare, il suo paesaggio terrazzato. Sono state ricostruite e quantificate le dinamiche di trasformazione degli usi del suolo nell’area studio, con riferimento alle categorie del bosco, delle aree urbanizzate e delle aree agricole. 

Inoltre, sono stati anticipati i contenuti analitico-descrittivi dell'Atlante dei paesaggi terrazzati, con riferimento all’area studio, e presentati gli strumenti di azione partecipata (tecniche dell’intervista semistrutturata) che sono stati messi in campo, nella seconda fase, per promuovere un'azione di coinvolgimento 'dal basso' della comunità locale.

Attualmente è in corso di stesura il documento finale di ricerca la cui diffusione è prevista entro il mese di gennaio 2018.